Il mio Ricominciamo – intervento del 5 maggio

maggio 5, 2018 § 1 Commento

Riprendo il titolo di questo incontro

Ricominciamo: dalla persone, da un nuovo PD, da Milano.

Io vorrei dire ‘da Milano e oltre Milano’.

Ricominciamo dai luoghi dove NON viviamo. Dove la maggior parte di chi sta oggi in questa sala NON VIVE.
Lo dico da milanese, nata e cresciuta a Milano, consigliera di maggioranza per 7 anni.
Ricominciamo dai territori, dai piccoli e medi comuni che hanno tutti un nome, a partire dai più vicini, da quelli che compongono la città metropolitana e dalle comunità sociali che le abitano, CON le comunità che le abitano.
Perché ci siamo troppo accontentati di guardare a cosa succede nelle nostre grandi città, andando a vedere soprattutto se a Milano avevamo vinto o a Roma avevamo perso.
Per poi accorgerci che abbiamo perso Sesto San Giovanni, e accorgersene solo quando l’abbiamo persa davvero alle amministrative, senza capire che l’abbiamo persa durante la quotidianità. E ancora Codogno, comune di provincia 15.00 ab, a una manciata di km da qui, passata dal Pd alla lega.
Smettiamola di raccontarci che non siamo stati capiti, ma diciamo che abbiamo sbagliato. Abbiamo sbagliato anche perché non siamo stati lì, vicini ad amministratori di quei luoghi e a quelle comunità, perché siamo stati distanti e non abbiamo saputo capire e quindi dare risposte. Se a Milano le cose funzionano dobbiamo sapere andare anche oltre, portare fuori il buono di quella esperienza.
Io credo che quei comuni, quelle aree interne che sono a rischio di spopolamento, non solo di comunità, di persone ma anche di valori, vadano frequentate, attraversate, comprese, non solo da chi ci vive ed abita, ma da tutti noi, dal nostro partito nei suoi organismi dirigenti, nazionali , che con quella comunità sociale e politica deve accorciare le distanze.
Perché sono anche le distanze territoriali che vanno ridotte, che poi si traducono in distanze, culturali e sociali.
Questo dovrà essere il nostro mantra: l’Italia è fatta di provincia più che di grandi città e non è vero che lo sviluppo futuro sta solo nei grandi centri urbani. E se si lavora solo lì nelle città il divario territoriale, sociale e culturale aumenterebbe.
Chiamiamo questi luoghi per nome, così come le periferie quartieri, impariamo a conoscerli, a capirne i bisogni e i desideri; ma dobbiamo esserci e non lasciare sole le persone, gli amministratori locali, che questo Governo passato ha penalizzato e non valorizzato, stare vicini ai nostri circoli, e ai militanti che stanno su quei territori e lì fanno politica.
Quei luoghi e quelle persone sono una ricchezza, una risorsa, e non un vuoto a perdere.

Solo se lo capiamo, potremmo ridare fiducia a chi spesso si sente solo, abbandonato, senza stampelle e ricostruire con loro un nuovo spazio politico democratico.
Andiamoci e stiamoci, parliamo con le persone, impegniamoci lì, anzi soprattutto li.
Con umiltà.
Consapevoli che da li possiamo ripartire per ricostruire, anche con altri che magari non stanno nel nostro partito, ma sono legati allo stesso pensiero di uguaglianza.
Lasciandoci alle spalle divisioni e insofferenze che ci hanno fatto solo male.

Grazie

2EC06538-1672-4770-8A89-A2689FAD51AF

Annunci

§ Una risposta a Il mio Ricominciamo – intervento del 5 maggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Il mio Ricominciamo – intervento del 5 maggio su Il blog di Paola Bocci.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: